Il processo di produzione del gin

Il gin è una bevanda distillata che normalmente si basa su un alcol etilico di origine agricola, come cereali o barbabietole. Il processo di distillazione del gin viene effettuato in un alambicco, tradizionalmente di rame, anche se può essere anche di acciaio inossidabile. È qui che l’alcol viene sottoposto a un punto di ebollizione per diventare vapore e aromatizzato con essenze e botanicals.

Il vapore ottenuto attraversa dei condotti di condensazione fino a lasciare nuovamente l’alambicco allo stato liquido. Ecco come si ottiene questa bevanda alcolica. Sapevi che per chiamarsi gin, un gin deve essere aromatizzato con il ginepro?

Le bacche di ginepro

Il ginepro è il frutto di un arbusto della famiglia delle conifere (Juniperus communis), simile nell’aspetto ad un cipresso, che cresce in altezza e nei climi freddi come quelli del Nord America e dell’Europa. I suoi frutti, noti come bacche di ginepro, sono verdi quando germogliano, ma man mano che maturano acquisiscono la loro caratteristica tonalità viola, che è quando vengono raccolti.

Queste bacche di ginepro sono state utilizzate per migliaia di anni, fin dall’epoca romana, per i loro benefici medicinali e anche in cucina. Gli olandesi, nel XVI secolo, furono i primi ad aggiungerli al processo di produzione di una bevanda distillata che battezzarono “genever” per questo motivo e che si rispecchiava nell’espressione francese “genièvre”. Il “genever” fu imbottigliato per la prima volta dall’olandese Ervin Lucas Bols nel 1575.

Gli inglesi che combatterono in Olanda nella Guerra dei Trent’anni, nel XVII secolo, rimasero colpiti dal “Dutch courage” (coraggio olandese) (così chiamarono il modo in cui i loro compagni d’armi combattevano dopo aver bevuto gin olandese) e decisero di importarlo nel loro paese, dove passò ad essere chiamato “Gin”.

Che sapore ha il gin?

Da quando è diventato popolare in Europa nel XVII e XVIII secolo, esistono tante varietà di gin quante distillerie, sebbene i tre tipi ufficiali di gin siano Gin, Distilled Gin e London Dry Gin (un gin secco, non dolce, dove predomina il sapore del ginepro).

Il processo di distillazione del gin è lo stesso. Ciò che differenzia ogni marca di gin sono le essenze o gli aromi che vi si aggiungono. A seconda del tipo di aromi utilizzati nell’elaborazione, possiamo distinguere, ad esempio, tra gin alle erbe, caratterizzati dalla loro origine botanica (menta o rosmarino, per esempio), gin agli agrumi, che possono avere un leggero aroma e sapore di arancia, pompelmo o lime, tra gli altri, e gin fruttati, con presenza di uva o frutti rossi, per esempio.

E come viene elaborato il nostro gin Nordés?

Nordés viene elaborato in una distilleria sulle rive del fiume Ulla, a San Pedro de Sarandón, vicino a Santiago de Compostela. Una regione nota per i suoi distillati.

Nel processo di elaborazione di Nordés ,vengono riprodotti i metodi tradizionali dei produttori locali e vengono utilizzati gli ingredienti naturali offerti dalla terra. La ricetta unica di Nordés inizia dalla base alcolica, poiché utilizza l’uva Albariño delle Rías Baixas per ottenere il distillato iniziale. Questa base, molto più complessa, gli conferisce un aroma completamente diverso fin dall’inizio.

Al distillato vengono aggiunti gli aromi di 11 botanicals naturali. In molte occasioni, i gin macerano insieme tutti i loro botanicals nell’alambicco e il risultato viene distillato per ottenere il prodotto finale. Tuttavia, nel caso di Nordés, ciascuno dei botanicals che compone la sua ricetta viene macerato separatamente prima della distillazione. Ognuno con una durata diversa, giusto il tempo necessario a fornire l’intensità necessaria per ogni botanical.

Degli 11 botanicals, sei sono galiziani: salvia, alloro, verbena odorosa, eucalipto, menta piperita e salicornia, una pianta marina che fornisce un tocco salato e lo rende il vero gin atlantico.

Da oltremare arrivano altri cinque botanicals che completano l’equilibrio aromatico di Nordés: non potevano mancare il ginepro, oltre a zenzero, cardamomo, fiori di ibisco e tè nero. Il risultato è un gin pieno di sfumature che ti porta nelle foreste galiziane e nella brezza atlantica, con una base di Albariño che lo rende unico al mondo.